Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Può conoscere tutti i dettagli sul nostro adeguamento GDPR e Cookies consultando la nostra privacy policy.
close

Tuber Melanosporum Vitt.

tartufo_nero_1.jpg

Il Tartufo nero pregiato – dal nome scientifico di Tuber Melanosporum – è un fungo sotterraneo che matura durante tutto il periodo invernale e cresce a contatto con vari tipi di alberi, come la quercia (roverella, leccio, rovere), il carpino nero e il nocciolo.

Il periodo di raccolta va dal 15 novembre al 15 marzo e viene effettuata con l’aiuto di cani addestrati. Fortunatamente per chi deve raccoglierlo, emette delle sostanze che rendono l’aerea attorno all’albero priva di vegetazione, quindi la sua presenza può essere rilevata con facilità.

Per la raccolta dei tartufi è molto noto il Piemonte, ma il tartufo nero pregiato è diffuso in molte regioni italiane: in Umbria, abbiamo il famosissimo Tartufo nero pregiato di Norcia. Sempre in Umbria, famosi sono i tartufi raccolti in alcuni boschi sul Monte Nerone (situato sull’Appennino Umbro-Marchigiano), con il loro aroma del tutto particolare rispetto agli altri tartufi neri pregiati. Tartufo nero pregiato: le sue caratteristiche.

Ecco come riconoscere un Tartufo nero pregiato:

  • la forma tondeggiante, dalle dimensioni che possono variare da quelle di una nocciola a quelle di una grossa patata; il suo peso può anche superare il chilogrammo.
  • la sua scorza: il nome scientifico del tartufo nero pregiato è “Tuber Melanosporum” che significa “a spore nere”. Questo tartufo è caratterizzato da una scorza nera rugosa costellata da piccole verruche, e da una polpa nera-violacea, striata da sottili venature bianche che esposte all’aria diventano rosseggianti, ed in cottura tendono al nero.
  • il Tartufo nero pregiato si distingue per il suo profumo delicato e gradevole e per il sapore particolare, quasi dolciastro, motivo per il quale viene spesso chiamato “tartufo nero dolce”.
Prenotalo ora